Copic vs. markers economici – 2

con Nessun commento

 

Nel post precedente raccontavo dei miei tentativi di utilizzare i markers economici come se fossero copic, nonostante la punta rigida totalmente diversa…

Ero arrivata alla conclusione che per me è più complicato usare questo tipo di markers, per questo i copic sono così famosi e amati! Ho deciso quindi di utilizzare i miei markers economici per le prove colore o effetti particolari.

 

L’altro giorno ho fatto un altro tentativo, quindi, e questo è il risultato:

 

Copic vs markers economici

 

Per la pelle ho sfruttato il bianco della carta e ho messo solo qualche accenno di rosa sulle parti in ombra, senza usare il blender.

Per quanto riguarda lo sketch, gli errori sono tanti e si vede, ma sono stufa di stare lì a notarli, è ovvio che se manca il costante esercizio non si possono pretendere risultati soddisfacenti, come in tutte le cose.

L’idea del giorno: te ne parlerò in un prossimo post! Infatti PRIMA devo iniziare lo sketchbook nuovo (l’ho già selezionato), poi vedremo se ci sarà qualche disegno decente da pubblicare XD

 

E comunque… ho lasciato il retro di questa pagina così com’era: pasticciato!! Ho deciso così proprio perché urta il mio OCD, e allora facciamo questa cosa alla Wreck this journal (più o meno)!!

 

Lo sketch successivo mi sembrava venuto bene (spoiler: no, è tutto storto) e allora ho voluto colorarlo con i copic.

Appena ho appoggiato la punta del copic sulla carta mi sono ricordata di quanto fosse fantastica e morbida (io la identifico come “semi rigida” per differenziarla dalle punte in setole, ma è comunque morbida).

E’ stato anche divertente colorare con i copic, non lo ricordavo così.

 

Disegno manga colorato con i copic markers

 

Mi sono presa così bene a colorare la pelle, tanto che ho fatto un sacco di strati e il colore è uscito più scuro di quanto avessi in mente. No problem: è già strana una tipa con i capelli verdini, che sarà mai se ha le lentiggini nonostante la pelle abbronzata? XD

Lo stile è diverso dal mio perché ho voluto provare a fare qualcosa di diverso. Dario stava guardando L’alienista e boh, mi è venuta l’ispirazione, anche se sembra che non c’entri niente.

Il copic bordeaux che ho usato per colorare il centro delle labbra ha perso goccine qua e là mentre lo aprivo.

 

E nulla, volevo condividere non tanto i disegnetti storti quanto la ritrovata voglia di usare i copic, soprattutto dopo aver usato i markers con la punta rigida XD

 


 

Infine volevo segnalarti che a fine mese, tra pochi giorni, farò la prima donazione paypal in beneficenza relativa all’importo raccolto con la vendita degli adesivi miciosi. Aggiungerò di tasca mia una quota.

Infatti nel mio shop c’è un prodotto di cartoleria, gli adesivi miciosi, il cui guadagno va totalmente devoluto in beneficenza. E’ un prodotto che ho realizzato apposta per questo scopo. A Giappone nel Chiostro ho venduto questi adesivi al banchetto e ho ricavato una bella sommetta che ho portato personalmente in gattile.

 

Se vuoi contribuire anche tu alla donazione, puoi acquistare gli adesivi cliccando qui. Il costo è di 3 euro + spese di spedizione.

Gli adesivi sono 12, assortiti, e possono essere usati per abbellire il tuo sketchbook o la tua agenda:

 

adesivi cartoleria per beneficenza

 

Non sono bellissimi? Il design è opera della mia amica Elena, una bravissima grafica e artista! Ha realizzato questi disegni proprio per l’occasione, e io li stampo + confeziono a mano. E’ un prodotto artigianale e lo vendo proprio allo scopo di raccogliere soldi da donare all’associazione presso cui faccio volontariato.

Non è una raccolta fondi, è proprio una cosa che faccio a titolo personale.

 

adesivi gatti agenda

 

Se invece di acquistare gli adesivi preferisci fare una donazione direttamente all’associazione, puoi trovare qui tutti i dati: Telefono Difesa Animali

 

Grazie in anticipo! <3

 

 

Commenti

comments

Lascia una risposta