Sul GDPR, i blog, feedly, e auspico la caduta di facebook

con 4 commenti

 

 

Sul GDPR (General Data Protection Regulation)

 

In questi giorni le nostre caselle email sono piene di newsletter in merito all’adeguamento al GDPR di ogni sito internet. Anche io ho aggiornato l’informativa per rendere più trasparente la gestione dei dati per la privacy di tutti noi, sia mia che tua.

Qui la pagina Termini e condizioni per l’utilizzo del sito

Qui l’informativa sulla Privacy

 

Ti faccio un riassuntino:

  • Sono l’unico gestore di questo sito e sono un soggetto privato, per cui ovviamente non vendo i dati personali dei miei utenti.
  • E’ vietato prendere testi e immagini da questo sito per pubblicarli altrove senza il mio consenso. Basta chiedere! In generale non ho problemi, se mi viene chiesto.
    Una volta ho sgamato un sito che mi aveva rubato un’immagine, non si sono nemmeno scusati e la loro risposta è stata “l’abbiamo trovata su Google”. NOPE. Non funziona così.
  • All’ingresso del sito appare un banner da cliccare per accettare l’uso dei cookies, l’utente è libero di accettare oppure lasciare il sito.
    Alla fine che cookies ci sono? Google Analytics per le statistiche del sito, il pixel di facebook che serve appunto solo per i facebook ads (che faccio raramente, sono abbastanza inutili)… Ce n’è uno di Pinterest per permettere le condivisioni dei post, e i cookies relativi ai plugin installati che mi permettono di implementare il sito offrendo servizi a livello quasi professionale, come WooCommerce per il negozio online, o altri che mi permettono di verificare se ci sono problemi di navigazione e se tutto è chiaro e usufruibile in maniera semplice. Tutto molto basico perché non sono un tecnico informatico. E non mi è possibile risalire all’identità degli utenti, forse solo in CSI Cyber si può, non lo so!
  • Con l’iscrizione alla mailing list l’utente può inserire volontariamente i dati richiesti per ottenere il servizio, quindi nome e indirizzo email. Gli indirizzi email vengono riportati automaticamente sul mio account Mailchimp per gestire le newsletter.
    Solo io vedo gli indirizzi email e non li divulgo in alcun modo. Gli iscritti possono decidere in qualunque momento di cancellare la propria iscrizione cliccando sul tasto Unsubscribe.
  • Acquistando qualsiasi oggetto dallo shop si viene automaticamente iscritti alla mailing list, questo è riportato chiaramente nei Termini e Condizioni che devono venire accettati dall’utente per poter concludere l’acquisto.
    I dati richiesti per l’acquisto sul sito sono nome, cognome, indirizzo postale, email e numero di cellulare. Questi dati vengono archiviati nel database del plugin WooCommerce su questo sito realizzato con wordpress.org. L’indirizzo email viene usato per il pagamento tramite paypal (quindi il metodo di pagamento più sicuro che c’è). Nome, cognome e indirizzo postale vengono usati per spedire il prodotto, quindi vengono scritti sulla busta e… accidenti, il postino li vede! XD gravissima lesione della privacy! (Sono sarcastica, se non si fosse capito)
    Il numero di cellulare non viene utilizzato in alcun modo per rispettare la privacy dei miei clienti, è WooCommerce che lo chiede e non c’è modo di disabilitare questa opzione.

Se l’utente che ha acquistato vuole che io cancelli i suoi dati dal database degli ordini può scrivermi a questo indirizzo: ilaria (at) theknightspoisonlips (dot) com

 

Bulma fan art Dragon Ball by Ilaria Guinness

Fan art di Bulma – Dragon Ball: non c’entra con l’argomento del post ma ci sta bene

 

Ma penso che, in qualità di utenti di siti web, tutti noi dovremmo preoccuparci di ben altro rispetto al presente sito casereccio gestito da un privato che ha solo un po’ di dimestichezza con i CMS, niente di più.

Penso che sia peggio quando vado in un negozio di scarpe, provo le Adidas bianche senza comprarle, poi torno a casa e scrollando Instagram mi appare l’annuncio di quelle stesse Adidas bianche vendute da quello stesso negozio.

Penso che sia peggio quando in ufficio visito un sito che vende cialde e macchine del caffé, non compro subito perché non ho il tempo materiale, ma ogni sito che visito successivamente presenta annunci pubblicitari riguardanti quel sito che vende cialde, con l’immagine della stessa macchinetta del caffé che volevo comprare.

 

Però non posso disattivare la geolocalizzazione sul cell perché mi serve per altri motivi, né posso evitare di cercare i prezzi delle macchine del caffé o visitare qualunque sito io voglia… quindi basta usare un po’ il cervello e non farsi manipolare. E, quando è possibile, scegliere siti che non utilizzano annunci pubblicitari invasivi, mentre una piccola quantità di annunci è ben tollerata perché permette al sito di ripagarsi dei costi (avere un sito NON è gratis, è piuttosto costoso; dovrei mettere anche io gli annunci ma non guadagnerei abbastanza).

Infatti su questo sito non ci sono annunci pubblicitari.

Qui puoi navigare in tranquillità senza annunci e video molesti che lampeggiano e si ingrandiscono e parte l’audio in automatico.

 

L’unica cosa che potrei segnalare sono i link affiliati Amazon, ma c’è già scritto ovunque in questo sito XD e ovviamente non posso risalire all’identità delle persone, sai anche te come funziona la cosa… Anzi se hai in programma di acquistare qualcosa su Amazon per favore dai un’occhiata qui ai miei consigli per gli acquisti, a te non costa nulla e io posso guadagnare una piccola percentuale che, al raggiungimento dei 25 euro, si trasforma in buono Amazon (che reinvesto in libri o materiale artistico).

 

 

Sul blog: progetti futuri

 

Il sito nella sua struttura è abbastanza a posto, c’è però una cosa che mi sta stretta ora: il nome.

Il sito è nato come blog relativo al mio manga Poison Lips. All’inizio il manga si chiamava The Knight’s Poison Lips, sicché l’indirizzo web è quello.

Ma ora che sto aggiornando più spesso il blog sento un’esigenza diversa: non posso scrivere post di aggiornamento relativi solo al fumetto, non c’è abbastanza materiale, dovrei fare spoiler…

 

disegnare tavole manga

 

Su questo blog già scrivo dei miei disegni, del mio sketchbook, degli esperimenti con il materiale artistico, e in passato ho parlato anche di fumetti, agende, acquisti e make up… le mie passioni, sostanzialmente.

Voglio continuare così, ho bisogno che questo sia un blog personale per raccontare la mia vita e le mie passioni. Dev’essere un blog ispirante e motivazionale, non solo un blog informativo sul fumetto.

Mi piacerebbe trasformarlo cambiando il link, mettendo il MIO nome, perché deve parlare di me, del mio percorso artistico e non, delle cose che mi piacciono e mi appassionano. Lo so che tutti coloro che vendono corsi sul blogging dicono di scegliere un argomento unico e attenersi a quello per crearsi la propria nicchia, ecc… ma se ciò non corrisponde a quello che sono io e che voglio fare?

 

Non ho idea di come si possa cambiare l’indirizzo web. Se comprassi un altro dominio per fare un redirect sarebbe troppo costoso… e dovrei cambiare tutte le mail e i link! Sarebbe, in parole povere, troppa sbatta.

Dovrei farlo, ne sento il bisogno. Non è un obbligo, perché comunque posso gestire il sito come mi pare… ma sarebbe carino sistemare anche questa questione.

 

Questo per ora è solo uno dei tanti progetti da realizzare!

 

Inoltre, da quando facebook ha spopolato, i blog sono stati relegati in secondo piano e ciò mi permette di introdurre il prossimo argomento:

 

 

The downfall of facebook

 

Io spero vivamente che facebook faccia la fine di MySpace (che non ho mai avuto).

Sui social è tutto più immediato. Carichi una foto, scrivi un testo, pubblichi. E, se ti va bene, la gente commenta. La gente commenta con il proprio nome e cognome in bella vista, con la propria faccia se ha una foto profilo veritiera.

Sui blog no. Non sai se la visualizzazione è stata completa di tutto il post o se l’utente ha chiuso subito la pagina. Gli utenti non commentano. Neanche con uno pseudonimo che protegge la loro privacy. Non c’è dialogo. Inoltre ci vogliono ore per scrivere un post, revisionarlo, modificare le immagini, caricarle, mettere l’attributo alt su tutte, mettere l’immagine in evidenza, catalogarlo con i giusti tag, ecc… Dovrei scrivere un tutorial su come si pubblica un post perché chi non ha un blog non ha idea del lavoro che c’è dietro.

 

Ma i social sono il regno dell’informazione usa e getta. Quando vai su una pagina facebook riesci a scrollare circa una decina di post prima che la app (o il sito) inizi a rallentare in modo assurdo per poi bloccarsi dopo un po’. Puoi vedere le immagini negli album, ma chi va a cercarli cliccando su mille link prima di arrivare all’album desiderato? Suvvia.

Se non ti salvi subito un contenuto su facebook o instagram non lo troverai mai più, a meno che non ti vai a cercare il registro attività (solo se hai aggiunto una reazione al suddetto post), e anche lì vai di scroll con le conseguenze immaginabili.

 

Se io fossi in grado di fare un disegno meraviglioso, che richiede ore e ore e giorni di lavoro, e lo pubblicassi su facebook/instagram, riceverei la mia manciata di like, e poi… dopo due giorni non se lo filerebbe più nessuno, perché non apparirebbe più, e a meno che qualche buonanima non lo condivida, ciaone proprio!!

Se pubblicassi lo stesso disegno sul blog nessuno commenterebbe né metterebbe un like, ma sarebbe già più normale perché gli utenti dei blog leggono e apprezzano ma abitualmente non commentano; inoltre il disegno rimane, il post c’è, è lì nell’elenco, anche se viene superato dai post successivi. Si può trovare grazie a google, o grazie ai tag, alle categorie, ai link all’interno di altri post.

 

Uno dei miei post più gettonati è Come disegnare mappe fantasy/rpg. Ricevo moltissime visite ogni giorno su quel post.
Su facebook l’avevo pubblicato tramite due video e il link al blog, ma ormai non li vede più nessuno…  sono superati, non importa che io ci abbia messo tantissimo tempo a fare i disegni, i video, le foto e scrivere i testi.

E’ un post che riceve moltissime visite, dicevo. Qualcuno ha mai commentato? CERTO CHE NO. Su facebook invece i like e i commenti sono presenti, e simboleggiano apprezzamento. Se qualcuno apprezza ciò che fai allora hai una spinta per andare avanti e pubblicare nuovi contenuti, altrimenti chi te lo fa fare?

 

In conclusione:

  • i blog sono fantastici, ma la gente non li usa più
  • facebook è uno schifo ma la gente interagisce

 

Se facebook cadesse in disuso e la gente riprendesse ad usare i blog come faceva una volta sarebbe meglio per tutti. Ciò non è possibile, allora inizio io a fare una cosa sperando di dare il buon esempio: continuare a pubblicare sul blog.

Continuare anche se nessuno commenta (tanto che in alcuni post ho disattivato la possibilità di lasciare commenti).

Continuare per pura passione e per aiutare/ispirare gli altri, non solo per pubblicare i propri disegnetti (e io non mi sono mai fatta problemi a pubblicare disegnetti  talvolta brutti, altrimenti non sarei arrivata fino a qui).

 

Auspico la caduta di facebook: perderei migliaia di “fans” la cui stragrande maggioranza non vede ciò che pubblico, perderei centinaia di foto e testi, perderei i soldi che ho speso in fb ads (pochi per fortuna)… ma grazie a questo blog non perderei te che stai leggendo, e gli altri lettori; non perderei chi si è iscritto alla mailing list e saprà in anteprima tutte le novità e le cose importanti. Non perderei le foto e i testi che sono qui.

Facebook è gratis, questo sito non lo è. Quando non potrò più permettermelo dovrò chiudere. Ma questa è stata una mia scelta, infatti i blog su wordpress.com o blogspot sono gratuiti.

 

Fan art di Vegeta e Bulma - work in progress

Fan art di Vegeta e Bulma – Dragon Ball (work in progress): non c’entra con l’argomento del post ma dà un tocco di colore e spezza il testo

 

Facebook è un ottimo strumento per rimanere in contatto con le persone. Ci sono molte artiste che seguo su facebook e vorrei continuare a dare loro il mio supporto. Se non si fosse capito prima ero sarcastica quando auspicavo la caduta di facebook. E’ utile, ma per noi artisti è deleterio perché lo utilizziamo nel modo sbagliato… ed è una cosa talmente radicata in tutti noi che è impossibile cambiare.

Facebook dovrebbe eliminare le pagine e i gruppi, se davvero volesse che si ritorni ad essere tutti amicicci carini e coccolosi (ma non si può perché per mandare avanti una piattaforma così estesa servono soldi, e la pubblicità è l’unico modo).

Soprattutto qualcuno dovrebbe vigilare su commenti o contenuti razzisti, omofobi, sessisti e così via… ma questa è un’altra storia.

 

Fai questa prova. Apri facebook. Scrolla un po’.
Dimmi: hai visto qualche post utile, educativo, o che ti ha dato ispirazione?
Uno o due. Su cinquanta.
Perché non ti fa vedere la maggior parte dei post delle pagine che segui, ma vedi ciò che piace ai tuoi “amici” anche se a te non interessa, perché hai gusti differenti.

 

Apri Pinterest. Scrolla un po’.
Tanta ispirazione, vero?
Già, ma sono solo immagini. A volte i link non funzionano. Non sai chi è l’artista, non sai cosa fa e cosa pensa.
Per quanto riguarda la TUA arte su pinterest, a meno che non pubblichi te le tue cose, nessuno lo fa. E se le pubblichi, rimangono lì con zero condivisioni. E io sto parlando di te, di me, di gente che ha qualcosa da dire e da insegnare ma non è famosa/o perché non è un “personaggio”.

 

Ho una fantastica soluzione.

 

 

Feedly e i “lettori blog”

 

Lo scopo di tutto questo post è parlare dei siti o app che leggono i feed dei blog che tu scegli di inserire, i cosiddetti “lettori blog”.

Siamo nel 2018, non posso pretendere che tu lasci un commento ai blog che leggi (per la cronaca, io per carattere non lascio quasi mai commenti, neanche su facebook), ma voglio parlarti della mia esperienza in modo che tu possa trarne vantaggio e ispirazione.

 

Non molto tempo fa ho riscaricato la app di  Feedly, che non avevo sull’attuale telefono; avendo già fatto un account in precedenza mi sono ritrovata i miei blog preferiti già salvati e ho potuto aggiungerne di nuovi.

Certo, la app non è perfetta, ma ce la facciamo andare bene.

 

 

Ispirazione ogni giorno

 

La mattina quando mi sveglio ho bisogno di un po’ di tempo per riprendere conoscenza e capire chi sono/dove sono/perché mi sono dovuta svegliare.

Accendo il telefono e, invece di scrollare facebook all’infinito e farmi venire il nervoso, apro feedly e leggo i post dei miei blog preferiti.

 

Ispirazione, arte, cultura, lifestyle, moda, makeup… questi sono gli argomenti che mi interessano, questi sono gli argomenti dei post che leggo ogni mattina.

Non leggo blog solo quando ho bisogno di un’informazione e allora chiedo a Google. Leggo i miei preferiti ogni mattina, e sono io che decido cosa leggere. Posso aggiungere o togliere blog tranquillamente e catalogarli nel modo che preferisco, scegliendo io le categorie. Posso saltare i post che non mi interessano, e salvare quelli che mi piacciono di più.

Tu magari preferiresti leggerli la sera piuttosto che la mattina, o quando sei in coda in posta, o dal parrucchiere. Magari a te interessa la tecnologia o il gossip piuttosto che l’arte o il makeup. TU scegli. Crei il tuo piccolo personale spazio educativo e di intrattenimento, senza le vaccate di facebook.

 

Prova. Davvero, fidati.

 

feedly

 

Ricorda di inserire anche il mio blog nel tuo feedly 😉

www.theknightspoisonlips.com

 

 

Usare i social nel modo giusto

 

E comunque se hai bisogno di rimanere in contatto con le persone che conosci ci sono Messenger e Whatsapp, puoi scrivere ai contatti e chiedere come stanno, non c’è bisogno di andare su facebook a leggere cos’hanno mangiato ieri sera o cosa stanno guardando in tv questo momento.

Cioè, facebook ci sta, ma bisogna usarlo nel modo giusto.

Più che una pulizia contatti, che non è elegante (anche perché prima di accettare l’amicizia devi controllare se è una persona che conosci o se è un tuo fan), appena avrò tempo farò una “pulizia di altro tipo” e riporterò facebook ad una dimensione più consona. Già, perché le condivisioni sono uno strumento importante per conoscere e per farsi conoscere, ma faccio volentieri a meno di vedere l’ennesima vignetta orribile del fumettista famoso che non sa disegnare. Ci sono tante opzioni su facebook che vanno sfruttate per renderlo un posto migliore, ma non sarà mai bello come il TUO personale feedly (o qualsiasi altro lettore blog).

Dovrei scrivere un tutorial a riguardo XD sto segnando tutte le idee, poi vedremo se troverò il tempo!

 

 

Un paio di nozioni su Feedly

 

I gestori dei blog possono decidere se permettere il feed per il post completo oppure solo per le prime righe o un’introduzione.

Questo significa che puoi leggere alcuni post interamente su Feedly, mentre di altri post puoi leggere solo alcune righe e per leggere il resto devi per forza cliccare sull’apposito link che ti porta al sito.

Ovviamente essere costretti ad andare sul sito per leggere il post scoccia, ci sono tempi di caricamento e connessione, e rischi che sia uno di quei “fantastici” blog farciti di pubblicità.

Chi ha deciso di mostrare un feed breve lo fa appunto per:

  • questioni economiche (se vai sul sito vedi gli annunci, altrimenti non li vedi)
  • questioni di pageviews (se leggi il post da Feedly non credo che conti come una visita al sito, quindi il gestore non può avere un resoconto dettagliato delle pageviews, le quali contano per i partners commerciali o per orgoglio personale).

Io avevo scelto di mostrare solo una piccola parte del feed per poter avere più pageviews, ma siccome alla fine non vado mai a vedere quante sono da tanto che me ne importa, da oggi ho deciso di permettere il feed completo.

Però ora devi iscriverti a  Feedly e aggiungere il mio blog 😉 D’accordo?

Così non ti perderai nessun post! E puoi andare a cercare quelli vecchi!

 

Già, perché con Feedly, quando leggi i post o li marchi come “letti” anche se non l’hai effettivamente fatto (perché magari non ti interessa quel post), poi non appaiono più nel feed giornaliero: ma niente paura, puoi rivedere l’elenco dei post cliccando nel menù sul blog desiderato.

 

 

Il mio Feedly

 

I blog che, grazie a Feedly, posso leggere ogni giorno direttamente dal mio cellulare sono i seguenti:

 

ART

Citizen Sketcher – il blog di Marc Taro Holmes, artista specializzato in urban sketching e autore di molti libri

 

feedly Marc Taro holmes

 

Artist Network – sito utilissimo con tante idee per artisti di ogni genere

 

 

BEAUTY

Clio Make Up – anche se Clio è molto famosa, seguo il suo blog perché parla degli argomenti che mi interessano: recensioni di prodotti make up, moda, look. Spesso faccio gli screenshot alle foto dei prodotti recensiti e li metto nella mia wishlist! Inoltre Clio è un’ispirazione anche per la sua positive body image.

Sophie Hannah Richardson – seguo anche lei su consiglio della mia amica Elena, che dice che le somiglio. Certo, le somiglierei se avessi 10 anni di meno, 10kg in meno, 20 cm in più di altezza, e avessi i capelli blu! Il suo make up pieno di strass e glitter è troppo eccessivo per me, così come il suo look hipster, ma trovo sempre spunti interessanti. Purtroppo i suoi post sono sporadici ed è più attiva su instagram.

 

BLOGGING

Melyssa Griffin – è la prima che ho iniziato a seguire in merito all’argomento blogging.

 

COMICS

Sketchy Flavor – (VM18) è un’artista specializzata nelle fan art di Gajeel e Levy di Fairy Tail. Io non conoscevo i personaggi prima di imbattermi nelle sue illustrazioni, sicché per me è un po’ come vedere fumetti romantici su una coppia di OC! Mi è di grande ispirazione, anche io vorrei fare qualcosa di simile con i miei personaggi ma mi è impossibile arrivare a questo livello.

 

DIY

A beautiful mess –  seguo Elsie da quando faceva scrapbooking, cioè da 10 anni ormai. Mi piace, anni fa ho comprato da lei uno sketchbook e alcuni corsi online sull’art journaling. Mi ha insegnato un nuovo modo di intendere l’art journal, più libero e sbarazzino, e mi ha trasmesso l’amore per il vintage.

 

ITALIANI

Diary of an apprentice alchemist –  blog dell’artista Eleonora Vittori, dedicato al suo fumetto

Helera Hati – blog dell’artista Helera Hati

Il blog della Enri – il blog di Enrica, esperta in scrapbooking e cardmaking

 

 

Se conosci blog interessanti che posso aggiungere al mio feedly fammi sapere! Infatti vorrei ampliare l’elenco, ce ne sono alcuni che dovrei aggiungere ma purtroppo non ricordo i nomi.

In generale vorrei evitare di seguire persone troppo famose, come faccio su facebook (dovrò anche trovare un metodo, ad esempio smettere di seguire le pagine con più di 6.000 like), a meno che non se lo meritino davvero: non metto la gente su un piedistallo, non seguo la massa, e non sono la pecora di nessuno 😉

 

A presto!

 

4 Responses

  1. Mrs.Homme
    | Rispondi

    carissima grazie per avermi linkato <3 prima o poi riprenderò in mano il mio disgraziato blog, nel frattempo ti leggo sempre con piacere! Anche a me piacerebbe se si tornasse ai blog, contenuti più interessanti e specialmente più agevoli nella fruizione…E meno tuttologi che ti fanno la lezione!!
    Sai perché secondo me non si commenta più sui blog? perché ci vuole "troppo tempo" e nessuno ce l'ha più perchè deve stare su facebook o instagram a guardare i c***i degli altri (mi ci metto anche io eh? sto cercando di perdere questa abitudine però)!!!

    Però dai oggi ho rotto il ghiaccio, vediamo se riesco a farla diventare una buona abitudine :-*

    • Ilaria Guinness
      Ilaria Guinness
      | Rispondi

      Grazie cara per il tuo commento <3 Spero che riprenderai presto col blog, così guardando i tuoi bellissimi LO mi tornerà la voglia di scrappare!! Una volta non stavamo lì a guardare i commenti, e i like non c'erano, era più naturale scrivere sul blog e andare a farsi un giro negli altri blog per trovare ispirazione. La privacy era molto più protetta. E' vero che ci vuole un po' più di tempo a lasciare commenti su un blog, anche perché son tutti diversi quindi bisogna loggarsi su vari account! Invece su fb sei già lì e fai presto, però è così limitato, così standard... ha i suoi pregi, ma ormai la gente lo usa per scrivere i cacchi suoi ad ogni ora del giorno. Che una volta ogni tanto andrebbe bene, per sapere come sta una persona e cosa fa, ma tutti i giorni e ad ogni ora... anche no. L'unica soluzione è dosarlo, ad esempio entrarci mezz'ora al giorno e poi basta, perché comunque è un social e non una fonte di ispirazione creativa (ormai i post delle pagine che piacciono non appaiono quasi più, ma vedi tutto quello a cui mettono like gli amici).
      Grazie perché mi leggi sempre nonostante i papiri infiniti che scrivo <3

  2. Sue
    | Rispondi

    Non potrei essere più d’accordo. Purtroppo per me so come ci si sente quando crei qualcosa nella quale ci hai messo parecchio impegno e poi non viene considerata manco per metà, in quanto, avendo una piccolissima pagina Instagram molto spesso mi è venuto da gettare la spugna e lasciarmi andare, ma poi ho pensato: posso davvero buttarmi a terra per degli stupidi like? sono più importanti loro o la felicità e beatitudine che provo quando esprimo me stessa attraverso i miei disegni manga?
    Non arrenderti mai! 😉 <3

    • Ilaria Guinness
      Ilaria Guinness
      | Rispondi

      Ti ringrazio! <3 Il segreto è proprio fregarsene dei like (che brutto sistema, poi!) e andare avanti a fare ciò che appassiona. Se una persona disegna ha anche piacere a postare i propri disegni online, è giusto così, l'arte va condivisa... Personalmente diffido di chi ha i "big likes" perché, a meno che non siano famosissimi professionisti, è sicuro che li hanno comprati per attirare gente. Oppure fanno il giochetto di seguire per farsi seguire, e poi eliminare il "follow".

Lascia una risposta