No erase challenge

con 2 commenti

 

Qualche tempo fa sui social girava una “sfida” molto interessante: la “No erase challenge“.

La sfida consiste nel realizzare un disegno senza mai usare la gomma! Detto così sembra facile, ma non lo è, soprattutto per chi come me calca troppo sul foglio e si ritrova con troppe linee.

Infatti il mio metodo di lavoro è suddiviso nelle seguenti fasi:

  • fare il disegno a matita, con tutte le linee di costruzione
  • cancellare con la gomma pane, in modo che si intraveda il disegno sotto
  • ridisegnare con la matita solo le linee giuste, cercando di stare leggera
  • inchiostrare
  • eventualmente colorare

 

Inoltre in questo caso è doverosa una premessa: uno dei motivi per cui non ho disegnato per moltissimi anni era che non riuscivo ad accettare l’imperfezione, ossia volevo che il disegno mi venisse bene al primo colpo, senza dover usare la matita.

Ci è voluto molto tempo prima che io mi rendessi conto che è impossibile imparare a disegnare senza usare la matita e senza fare le linee di costruzione.

Certo, ci sono gli artisti super che fanno i disegni a penna e sono perfetti al primo colpo, ma non è il mio caso (e comunque hanno alle spalle moltissima esperienza).

 

Nonostante le mie difficoltà ho comunque voluto provare la sfida, ed è venuta in mio soccorso la matita con le mine colorate!

Ho realizzato il disegno base con la mina azzurra e ho ripassato solo le linee giuste con la matita di grafite.

 

no erase challenge

 

In foto non si vede moltissimo la traccia azzurra… e neanche dal vivo! Sarà che sono miope, non so, ma la uso poco per questo motivo XD

La matita utilizzata per ripassare le linee è la fighissima Palomino Blackwing. E il taglio di capelli che sognavo dal 28 febbraio l’ho fatto solo ieri!

 

Ovviamente, come al solito, subito dopo aver fatto questo disegno già non mi piaceva più, e per la pubblicazione sui social ho dovuto farne un altro…

 

NO ERASE CHALLENGE

 

Qui comfort zone a manetta, proprio: ho disegnato Kathryn, il mio soggetto preferito nonché protagonista del mio manga Poison Lips.

 

C’è bisogno di dire che neanche questo disegno mi soddisfa? Infatti l’ho utilizzato come bozza per una vignetta delle tavole di Poison Lips: in questo modo mi sono tolta la soddisfazione di correggerlo mediante l’inchiostrazione!

 

disegnare tavole manga

 

 

ispirazione sketchbook

 

Questa divertente (e utilissima) sfida mi ha ricordato anche il periodo in cui sperimentavo nel mio sketchbook il disegno direttamente a penna, proprio con le normali penne a sfera o con qualsiasi penna avessi sottomano 😉 venivano fuori di quelle cose inguardabili… ma è tutto esercizio!

Serve a concentrarsi di più sulle linee e cercare di visualizzare il risultato finale.

Ne ho parlato in maniera più approfondita nel mio ebook Sketchbook: il miglior amico dell’artista (che trovi qui nello shop), ecco a lato un esempio.

Adoro il tratto impreciso, mi piace moltissimo l’effetto dei tratteggi che sembrano fatti a caso. E’ così fresco e spontaneo.

Quando provo a disegnare personaggi umani con questo “metodo” mi vengono male. Non so perché mi viene bene invece disegnare animali, dato che normalmente non mi piace disegnarli!

 

 

 

A questo punto, se non l’hai ancora fatto ti consiglio di provare questa sfida!

Ma anche se lo hai già fatto: è sempre esercizio utile.

Infatti anche io proverò alla prossima occasione, appena troverò un attimo di tempo per disegnare…

 

A presto

 

Commenti

comments

2 Responses

  1. Mrs.Homme
    | Rispondi

    a me sembrano tutti perfetti questi disegni! ma io non faccio testo: non so disegnare 😛 però sono una tua grande fan ^_^

Lascia una risposta