Inktober 2018 – aggiornamento

 

Post precedenti:

  1. INKTOBER 2018 – inizio
  2. INKTOBER 2018 – lista

 

 

Eccomi con l’aggiornamento dell’inktober 2018!

 

Nel mio caso l’inktober consiste in una sfida con me stessa: per una persona che non può o non riesce a disegnare ogni giorno si tratta di un bell’impegno.

Ho accettato la sfida per vedere se sarei stata in grado di farlo, e avere una lista personalizzata sicuramente aiuta chi come me ha poco tempo libero e inoltre non trova il senso di disegnare qualcosa che non rientra nei propri gusti.

 

Ho sempre detto che disegnare per sé stessi  deve essere divertente, ma non intendo che mentre si disegna si debba sghignazzare come matti come quando si guarda una puntata di Brooklyn 99!

“Divertente” va letto nel senso più ampio del termine. In inglese si dice “enjoy”, che appunto non vuol dire per forza ridere a crepapelle!

Certo che è frustrante se il disegno non viene bene, ma quando invece riesce bene… che soddisfazione! Ma non è solo per questo che disegno, non è solo per ammirare il risultato finale. E’ un bisogno fisico, una passione, è troppe cose insieme, tanto che mi trovo a corto di parole se cerco di descriverlo.

 

Spesso rimango nella mia comfort zone: anche se si migliora provando pose difficili e sbagliando e rifacendo da capo, continuo a non essere a mio agio con i disegni venuti male. A volte li pubblico lo stesso, a volte no. A volte escono male pure i disegni semplici che dovrebbero uscire bene: dipende da quanta voglia ho di disegnare e da quanto tempo ho a disposizione. A parte 3 giorni che ho saltato perché sono stata fuori casa da mattina a sera, altre volte mi sono imposta di disegnare nonostante mi mancasse totalmente la voglia e nonostante avessi pochissimo tempo!

Risultato: disegni brutti.

Pazienza… tanto abbiamo capito che i miei problemi di time management sono irrisolvibili e dovrò conviverci tutta la vita XD

 

Comunque mi sto “divertendo” a fare l’inktober, anche se non ridacchio come una matta XD

 

 

Inktober day 11

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Abito vittoriano
Cosplayer: Kathryn

Gli abiti in stile vittoriano mi piacciono moltissimo, ma avendo scelto di disegnare un manga josei fantasy di ambientazione medievale, non ho mai occasione di disegnarli! E mi stuferei subito di disegnare così tanti dettagli!
Ho provato a tratteggiare i capelli invece che fare una campitura nera per non far trasparire l’inchiostro sul retro. Finché si usa il liner tutto ok, è quando si usano le fude pen che bisogna stare attenti.
Beati i disegnatori che riescono a disegnare solo su una facciata, lasciando l’altra bianca!! Io non ce la farei mai, odio lo spazio bianco XD

 

 

Inktober day 12

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Strega
Cosplayer: Kathryn

Disegno carino, ma molto semplice perché quel giorno mi mancava l’ispirazione.

 

 

Inktober day 13

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Monkey Island (Guybrush Threepwood)
Cosplayer: Cillian

La lista “Costumi di Halloween” può fornire infinite ispirazioni. Che poi io scelga sempre soggetti facili, beh, questa è un’altra storia! Ad esempio, con il tema Monkey Island si poteva disegnare un personaggio vestito da pirata o piratessa, da Elaine o LeChuck o da un qualsiasi personaggio magari comparso in una sola scena.

Ovviamente ho scelto Guybrush e Cillian mi sembrava perfetto per impersonarlo per via del codino 😉

 

 

Inktober day 14

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Famiglia Addams (Mercoledì)
Cosplayer: Kathryn

Anche qui avrei potuto scegliere Kat vestita da Morticia, Cillian vestito da Gomez, Kain vestito da Lurch… invece ho scelto Kat vestita da Mercoledì! Scelta abbastanza ovvia, anche qui poco tempo a disposizione e si vede.

 

 

Inktober day 15

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Pokemon (James del Team Rocket)
Cosplayer: Cillian

Quando ho scelto il tema Pokemon, avevo già in mente di disegnare o Jessie o James! Il disegno è venuto maluccio secondo me, stortino… devo smetterla di fare i disegni la sera poco prima di mezzanotte XD

 

 

Inktober day 16

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Principessa (disney: Belle)
Cosplayer: Kathryn

Dopo aver disegnato, inchiostrato, fotografato e postato su instagram, mi sono accorta di un errore bello grosso! Ecco, se avessi fatto i disegni in digitale avrei potuto correggere facilmente. Per questo che le tavole di Poison Lips mi stanno venendo bene, e i disegni dell’inktober no.

Ma non è solo questo… infatti i disegni dell’inktober hanno solo un livello di matita e uno di inchiostro, invece dei miei soliti due livelli di matita. Posso parlare di livelli anche in merito al disegno tradizionale, vero?
Quando un disegno mi esce bene, oltre ai fattori ispirazione/tempo, è anche perché faccio la bozza a matita, cancello con la gomma pane, e rifaccio il disegno a matita con correzioni e qualche dettaglio in più. Per ovvi motivi coi disegni dell’inktober faccio un passaggio solo con la matita. Manca il tempo per verificare e correggere errori “strutturali”.
Inoltre cancello la matita con la gomma pane per fare prima e non avere i residui di gomma in giro XD quindi si vedono tutti i segnacci sotto!

 

 

Inktober day 17

Inktober day 18

Inktober day 19

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Questi sono i giorni che ho saltato. Sono stati giorni impegnativi, in cui ero fuori casa da mattina a sera per impegni, lavoro, riunioni ecc…

Avendo creato i bigliettini per l’estrazione, piuttosto che buttarli li ho incollati su una pagina per ricordarmi i costumi che ho saltato.

Lupo: se hai letto la prima versione del mio manga Poison Lips o conosci i personaggi, potrai immaginare che avrei scelto Kain 😉

Fata dei boschi: qui ci sarebbe stata bene Kat vestita da elfa con un costume adornato di foglie

Dragon Ball: un Kain super sayan sarebbe stato perfetto!

 

 

Inktober day 20

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Adventure Time (Finn)
Cosplayer: Kathryn

Disegno semplicissimo, però è apprezzabile lo sforzo di aver disegnato qualcosa di diverso da Marceline o dalla Principessa Gommarosa XD

 

 

Inktober day 21

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Regina delle carte (cuori)
Cosplayer: Kathryn

Sarebbe stato interessante anche interpretare il tema disegnando la regina di cuori di Alice nel paese delle meraviglie, no? Questo comunque mi sembra un disegno ben riuscito. A parte qualche piccolo dettaglio nel viso.

 

 

Inktober day 22

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Super Mario
Cosplayer: Kain

E dopo un disegno ben riuscito, abbiamo qui un… disastro! Disegno fatto velocemente e senza voglia, e si vede!! Non l’ho nemmeno pubblicato su instagram da tanto è brutto: uno di quei giorni in cui dimentico come si tiene in mano una matita. Qui lo pubblico, ma non per intero perché ho ancora una dignità.

A mio favore vorrei dire che in passato ho fatto e pubblicato disegni peggiori pensando che fossero decenti. Ecco.

 

Inktober day 23

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Bleach (Renji)
Cosplayer: Cillian

Io AMO Renji!! E’ il mio personaggio preferito di Bleach ^_^
Il disegno è venuto bene perché è solo un primo piano… no, scherzo, poteva venire orribile lo stesso XD

 

 

Inktober day 24

 

Inktober 2018 - disegni in bianco e nero

 

Costume: Sirenetta
Cosplayer: Kathryn

Ultimo disegno per oggi, perché devo ancora fotografare decentemente i successivi (e il nubifragio di oggi diciamo che non aiuta a scattare foto guardabili).
Secondo me questo è venuto bene, a parte sempre qualche dettaglio del viso… ultimamente sto disegnando il viso di 3/4 con uno stile un poco più moderno rispetto al mio solito stile anni 90, però sono poco convinta.
I capelli li ho colorati con la fudepen di Muji, quella vecchia (e scarica).

 

Bene, quindi per oggi è tutto.

Alla prossima settimana con i disegni finali!

 

 

Inktober 2018 – la mia lista!

 

L’inktober procede per ora senza intoppi!

Qui puoi leggere la prima parte del post con tutte le spiegazioni 😉

 

 

La mia lista

 

Il tema del mio inktober è “Costumi di Halloween per i personaggi di Poison Lips”.

Per  evitare la paura del foglio bianco quest’anno ho deciso di seguire una lista… anzi, ho proprio deciso di crearne una mia: un elenco di personaggi vari da cui i miei personaggi possono travestirsi per Halloween.

Come anticipato nello scorso post, ho deciso di introdurre un elemento di casualità nella lista per aumentare il divertimento 😉

Una delle liste altrui che avevo visionato presentava l’elemento random sotto forma di ispirazione elementale: c’era la solita lista di disegni dall’uno al trentuno + un input legato agli elementi da scegliere tirando un dado. Mi è piaciuta molto l’idea del dado, ma volevo qualcosa di più… qualcosa che mi ispirasse e mi desse modo di affrontare con curiosità e voglia di fare questa “sfida”, ogni giorno per tutto il mese di ottobre.

Per questo ho deciso di estrarre a sorte ogni giorno il soggetto del disegno.

 

Ho preparato qui la lista completa che puoi scaricare, stampare ed utilizzare anche tu per i tuoi personaggi, quest’anno, l’anno prossimo, o il mese che vuoi te.

 

Lista inktober 2018 - Ilaria Guinness ART

 

Gli iscritti alla mailing list hanno ricevuto il pdf in formato A4 da stampare

 

 

I costumi di Halloween estratti la settimana scorsa:

  1. Tarocchi
  2. Star Wars
  3. Sailor Moon
  4. Personaggio di un film

 

 

Inktober day 5

 

Inktober day 5

 

Gretel Ann vestita da Xena

Quando ho deciso di inserire il costume di Xena nella lista non ricordavo che fosse così difficile da disegnare! XD

 

 

Inktober day 6

 

Inktober day 6

 

Kathryn vestita da Gothic Lolita

 

 

Inktober day 7

 

Inktober day 7

 

Il generale Jack Reese vestito da Vampiro

Disegno infelice perché, nonostante io abbia scelto un primo piano per velocizzare il lavoro, il naso è uscito male e ha rovinato tutta la faccia!! Ho provato a sistemare ma ormai il danno è fatto.

 

 

Inktober day 8

 

Inktober day 8

 

Kathryn vestita da Bambola inquietante

 

 

Inktober day 9

 

Inktober day 9

 

Gretel Ann vestita da Columbia del Rocky Horror Picture Show

 

In questi giorni sono in fissa con il Rocky Horror (Let’s do the time warp again) perché l’ho trovato su Tim Vision! Dell’originale ho il dvd quindi per quello nessun problema, io volevo avere anche il remake 😉
E la casualità ha voluto che fosse il costume estratto il giorno 9.

Per la posa: ho trovato una bella reference su Pinterest che voglio utilizzare anche per le tavole, prossimamente!

 

 

Inktober day 10

 

Inktober day 10

 

Kain (s)vestito da He-man

Anche qua un disegno infelice.

E’ andata così: ieri sera sono tornata a casa dal lavoro, ho cenato guardando Star Trek Beyond e poi ho proseguito le tavole. Alle 23:20 ero ancora dietro con quelle 2 maledette vignette… già, tutta sera per fare una vignetta e modificarne un’altra. Poi ne parlerò in un post dedicato, comunque è molto molto frustrante metterci ore per una singola vignetta.

Insomma, avevo ancora 40 minuti a disposizione prima di andare a dormire… mezz’ora per fare il disegno, 10 minuti per editare la foto e caricarla su instagram.

E dal barattolo è stato estratto He-Man!

Per disegnare un Kain vestito da He-man fatto BENE avrei avuto bisogno di almeno un paio d’ore… senza contare che ero stanca e volevo andare a dormire XD

 

Però alla fine va bene anche così… è divertente darsi un tempo limitato e vedere che roba brutta viene fuori XD

 

 

Il disegno di oggi non l’ho ancora fatto, spero di non ridurmi all’ultimo momento anche stavolta… ma conoscendomi, sarà così.

Non a caso mi auto eleggo Miss Procrastinazione ogni anno.

 

 

Alla prossima!!

 

Sketchbook 2015-2016: i miei disegni + Situazione sketchbook

 

Le ferie si avvicinano, e come ogni anno torna la voglia (e un pochino di tempo) di registrare e caricare nuovi video sul mio canale You Tube!

Ho già caricato dei nuovi video sulle fude pen e sul bullet journal (poi ci sarà anche un aggiornamento con il relativo post qui sul blog).

 

Situazione Sketchbook attuale

 

L’ultimo video relativo ad uno sketchbook finito è questo, si tratta dello Sketchbok n. 5 ossia la Moleskine Storyboard. Qui c’è il post con tutte le spiegazioni.

Successivamente avevo girato un video sulla situazione sketchbook del momento (qui la prima parte, qui la seconda), stiamo parlando di un anno fa!

 

Una volta terminato lo Sketchbook n. 9 (ARC System), sono andata avanti con il n. 8 e il n. 10.

Lo sketchbook n. 8 è un quaderno con i fenicotteri dorati in copertina, la carta è quella normale da fotocopie. Lo uso principalmente per le bozze

Lo sketchbook n. 10 è uno sketchbook Strathmore con carta per acquerello, che uso per le illustrazioni e sketch colorati.

 

sketchbook manga

 

Come già avevo scritto in un recente post, non mi bastano più.

Ho bisogno dello sketchbook 10 per le illustrazioni (un disegno per pagina).

Ho bisogno dello sketchbook 8 per le bozze delle illustrazioni e per le prove del materiale artistico.

Ma sento il bisogno di uno sketchbook con le pagine spesse per sperimentare e fare tanti piccoli disegni, proprio come facevo nella Moleskine Storyboard… Non voglio preoccuparmi di dover coprire il retro della pagina ogni volta che devo inchiostrare! Uno sketchbook solo per le bozze a matita non fa per me, i miei sketch devono essere colorati e stilosi.

Sono un tipo da “buona la prima”, non amo esercitarmi. Piuttosto continuo a cancellare e rifare lo stesso disegno.

 

Per questo motivo ho scelto di iniziare lo Sketchbook n. 11: un quaderno con pagine spesse della Winsor & Newton

 

Sketchbook Winsor & Newton

 

Al momento non ho ancora disegnato nulla su questo sketchbook, ma conto di iniziare presto!

Le pagine interne sono bianche e spesse, però non mi piace il fatto che siano perforate per essere staccate facilmente. Sicuramente non staccherò le pagine!

 

sketchbook Winsor & Newton pagine spesse

 

 

 

Sketchbook n. 6: disegni del 2015-2016

 

E mentre io decidevo di iniziare l’ennesimo nuovo sketchbook, dovevo ancora girare il video dello sketchbook 6 sfogliato! E parliamo di disegni di 2-3 anni fa!

Anche se in realtà non era un obbligo, potevo anche decidere di non farlo per via dei disegni vecchi che probabilmente dovrei nascondere invece che mostrare… ma poi ho deciso di andare avanti con questa iniziativa dei video degli sketchbook sfogliati. Quando ho iniziato io a fare questa tipologia di video, in Italia non lo faceva nessuno XD ovviamente l’idea mi era stata data dai video esteri.

 

Ecco lo sketchbook n. 6, con i disegni che vanno dalla fine del 2015 alla metà del 2016 circa:

 

Sketchbook carta bianca

 

SI tratta di un normale quaderno A4 con rilegatura a spirale e fogli di carta bianca 100 g/m.

La prima pagina:

 

 

prima pagina di sketchbook

 

 

A causa delle pagine sottili e del formato per me troppo grande, ho usato questo sketchbook principalmente per le bozze delle illustrazioni e degli art trade. Per dare un po’ di vita a queste pagine ho incollato le stampe o i disegni originali colorati sopra ad ogni bozza pasticciata.

 

sketchbook manga anime

 

sketchbook manga

 

Come per lo sketchbook precedente, anche per questo ho deciso di girare due video diversi: uno in cui lo sfoglio velocemente, per chi vuole scuriosare o cerca ispirazione rapida (lo trovi qui); e l’altro più lungo in cui lo sfoglio con calma e racconto tutti i miei disegni, non solo le tecniche utilizzate ma anche i retroscena vari.

Ho anche tagliato molti sproloqui non politically correct 😉

 

Ecco qui il video con i disegni spiegati:

 

 

 

Se hai domande o sei d’accordo con me su ciò che dico, fammi sapere nei commenti o privatamente 😉

 

Buona visione e alla prossima!

 

 

 

No erase challenge

 

Qualche tempo fa sui social girava una “sfida” molto interessante: la “No erase challenge“.

La sfida consiste nel realizzare un disegno senza mai usare la gomma! Detto così sembra facile, ma non lo è, soprattutto per chi come me calca troppo sul foglio e si ritrova con troppe linee.

Infatti il mio metodo di lavoro è suddiviso nelle seguenti fasi:

  • fare il disegno a matita, con tutte le linee di costruzione
  • cancellare con la gomma pane, in modo che si intraveda il disegno sotto
  • ridisegnare con la matita solo le linee giuste, cercando di stare leggera
  • inchiostrare
  • eventualmente colorare

 

Inoltre in questo caso è doverosa una premessa: uno dei motivi per cui non ho disegnato per moltissimi anni era che non riuscivo ad accettare l’imperfezione, ossia volevo che il disegno mi venisse bene al primo colpo, senza dover usare la matita.

Ci è voluto molto tempo prima che io mi rendessi conto che è impossibile imparare a disegnare senza usare la matita e senza fare le linee di costruzione.

Certo, ci sono gli artisti super che fanno i disegni a penna e sono perfetti al primo colpo, ma non è il mio caso (e comunque hanno alle spalle moltissima esperienza).

 

Nonostante le mie difficoltà ho comunque voluto provare la sfida, ed è venuta in mio soccorso la matita con le mine colorate!

Ho realizzato il disegno base con la mina azzurra e ho ripassato solo le linee giuste con la matita di grafite.

 

no erase challenge

 

In foto non si vede moltissimo la traccia azzurra… e neanche dal vivo! Sarà che sono miope, non so, ma la uso poco per questo motivo XD

La matita utilizzata per ripassare le linee è la fighissima Palomino Blackwing. E il taglio di capelli che sognavo dal 28 febbraio l’ho fatto solo ieri!

 

Ovviamente, come al solito, subito dopo aver fatto questo disegno già non mi piaceva più, e per la pubblicazione sui social ho dovuto farne un altro…

 

NO ERASE CHALLENGE

 

Qui comfort zone a manetta, proprio: ho disegnato Kathryn, il mio soggetto preferito nonché protagonista del mio manga Poison Lips.

 

C’è bisogno di dire che neanche questo disegno mi soddisfa? Infatti l’ho utilizzato come bozza per una vignetta delle tavole di Poison Lips: in questo modo mi sono tolta la soddisfazione di correggerlo mediante l’inchiostrazione!

 

disegnare tavole manga

 

 

ispirazione sketchbook

 

Questa divertente (e utilissima) sfida mi ha ricordato anche il periodo in cui sperimentavo nel mio sketchbook il disegno direttamente a penna, proprio con le normali penne a sfera o con qualsiasi penna avessi sottomano 😉 venivano fuori di quelle cose inguardabili… ma è tutto esercizio!

Serve a concentrarsi di più sulle linee e cercare di visualizzare il risultato finale.

Ne ho parlato in maniera più approfondita nel mio ebook Sketchbook: il miglior amico dell’artista (che trovi qui nello shop), ecco a lato un esempio.

Adoro il tratto impreciso, mi piace moltissimo l’effetto dei tratteggi che sembrano fatti a caso. E’ così fresco e spontaneo.

Quando provo a disegnare personaggi umani con questo “metodo” mi vengono male. Non so perché mi viene bene invece disegnare animali, dato che normalmente non mi piace disegnarli!

 

 

 

A questo punto, se non l’hai ancora fatto ti consiglio di provare questa sfida!

Ma anche se lo hai già fatto: è sempre esercizio utile.

Infatti anche io proverò alla prossima occasione, appena troverò un attimo di tempo per disegnare…

 

A presto

 

Idee sketchbook: riutilizzare la miscela di acquerello avanzata

 

Oggi voglio mostrarti una bella idea per il tuo sketchbook.

Quante volte ti è capitato di avanzare della miscela di acquerello nella tavolozza, dopo aver finito di colorare un progetto? A me praticamente sempre.

Ecco qualche consiglio per utilizzarla subito e non sprecarla!

 

Un paio di settimane fa stavo lavorando ad una commissione ed al disegno per il Cinco de Mayo che hai visto sulla mia pagina facebook (ovviamente l’ho pubblicato con due giorni di ritardo…).

Per ottimizzare i tempi ho colorato entrambi i disegni sopra citati nello stesso momento, usando gli acquerelli.

Alla fine mi sono ritrovata con due disegni finiti, e ancora tanta miscela inutilizzata nella tavolozza…

 

sfondo acquerello

 

Di solito pulisco sempre la mia tavolozza dopo l’uso: la plastica o il metallo rimangono comunque macchiati, ma voglio evitare di “contaminare” la miscela successiva con i rimasugli di colore.

Si potrebbe lasciare asciugare la miscela per riutilizzarla la volta successiva, ma

  • mi dà fastidio lasciarla così
  • sono sicura che la volta successiva non mi servirà quello stesso colore

 

Insomma, mi era avanzata tanta miscela e mi scocciava buttarla…

 

Quindi, appena il disegno si è asciugato, ho girato pagina dello sketchbook e ho fatto un disegno velocissimo a matita, uno studio del viso a metà tra il profilo e i 3/4  (non è semplicissimo, ma ho notato che mi è venuto  “benino” per essere una cosa fatta al volo).

Subito dopo ho colorato lo sfondo con la miscela rimasta, cercando di ottenere un effetto astratto e variegato. Come il gelato (?!)

 

sketch manga acquerello

 

disegno manga acquerello

 

(Il giorno dopo ho completato lo sketch con dei piccoli schizzi di inchiostro bianco.)

 

Il mio sketchbook è il Visual Journal della Strathmore, ed  è composto da fogli di carta per acquerello  100% cotone. L’ho acquistato tempo fa su Amazon (qui).

Se ti può interessare esiste una versione migliore di questo sketchbook ed è realizzata da me! La trovi qui.

 

Torniamo alla nostra miscela avanzata…

Ho utilizzato il resto per colorare, sempre in modo astratto,  giocando col colore, la pagina di sketchbook adiacente.

 

acquerello sfondo

 

 

L’intenzione qui era creare direttamente uno sfondo, per poi inchiostrare con liner sottile +  Pentel Sign pen Touch, una penna stile fude pen con la punta in fibra.

La foto successiva vira sul blu a causa della luce, infatti ho scattato la foto dopo qualche giorno dalla precedente… ma in realtà lo sfondo e il disegno sono nero/grigio!

 

disegno manga acquerello

 

La Pentel Sign Pen Touch è acquerellabile: i capelli sono stati infatti colorati sfumando semplicemente il tratto con il water brush.

 

pentel sign pen touch manga

 

Volendo si può anche dipingere con acrilici o tempere, in modo da coprire parzialmente lo sfondo.

 

Il bello di questi sketch è proprio la loro imperfezione, il loro essere “studi” ed esercizi che possono essere ripresi e migliorati, ma già così hanno stile!

 

sketchbook manga acquerelli

 

Un altro utilizzo dei rimasugli di acquerello (o acrilici) è un’idea un po’ vecchiotta ma facilissima: tenere un piccolo art Journal solo per questo scopo. Quando il colore si asciuga, si ottiene uno sfondo molto particolare e unico su cui scrivere frasi, citazioni o i propri pensieri.

 

Spero di averti dato un’idea utile per non sprecare le tue miscele e per abbellire il tuo sketchbook!

 

Trovi tante altre idee e suggerimenti utili nell’ebook che ho scritto proprio all’argomento. Puoi acquistarlo qui.

 

A presto!