Retini adesivi per disegni e tavole manga – 1 parte

 

PRIMA PARTE

(QUI TROVI LA SECONDA PARTE)

 

In questo periodo sono in fissa con i retini adesivi colorati! Ma ho deciso che non comprerò più niente a meno che non mi serva davvero, e che devo usare quello che ho già, quindi non se ne parla di spendere ancora soldi.

 

 

LA RICERCA DEI RETINI ADESIVI COLORATI

 

Facendo una breve ricerca online ho trovato dei negozi online che vendono i retini adesivi colorati, quindi sono reperibili. E poi ho trovato questo interessantissimo post che spiega la resa di stampa dei retini colorati, in particolare è interessante la parte che spiega che ogni colore presenta i puntini inclinati in modo diverso, per evitare l’effetto moirè.

Ultimamente ho usato i retini digitali colorati su photoshop, ma per il mio sketchbook volevo qualcosa di “manuale”.

Potrei colorare i disegni al pc, mettendo i retini colorati, poi stamparli e incollarli nello sketchbook, ma…

A me piace sperimentare! Quindi ho creato dei finti retini solo per fare una prova.

Cercavo un effetto tipo questo:

 

Retini adesivi colorati

Basta, finito il periodo “retini colorati” XD

Già che siamo in tema, colgo l’occasione per parlare della mia esperienza coi retini adesivi per manga, partendo dal principio.

 

Manga italiano josei

 

 

 

 

RETINI ADESIVI PER TAVOLE MANGA
La mia esperienza

 

Quando avevo 13/15 anni e disegnavo……… qualcosa come un secolo fa………

Leggevo manga e sapevo cosa fossero i retini, ma non avevo modo di reperirli. Non c’erano i negozi online come adesso (ad esempio si possono acquistare qui o anche qui).

 

Una mia amica aveva comprato chissà dove dei fogli adesivi per stamparsi i retini da soli e me ne aveva regalato uno stampato da lei.

Io l’avevo usato ma:

  • mi strappava tutta la carta
  • la pazienza e la precisione non sono MAI state tra le mie virtù e quindi non riuscivo a tagliare il retino senza fare danni.

 

E siccome io non butto mai via niente XD qualche giorno fa ho ripescato quel vecchio “retino fake” e l’ho usato nello sketchbook:

 

Retino adesivo stampato

 

La stampa del retino non è ottimale (per effetto ottico sembrano dei quadratini) e poi è molto appiccicoso, anche se ho cercato di renderlo meno “colloso” appoggiandolo più volte sulle mani, e strappa la carta. Però si riesce a grattare col taglierino per fare le sfumature!

 

retino adesivo stampato

 

Però quando ero giovane e disegnavo non lo usavo per i motivi elencati sopra.

Poi ho smesso di disegnare per molti molti anni, e quando ho ripreso a disegnare poco più di due anni fa erano già disponibili su internet e alle fiere i retini VERI.

 

 

TRASFERELLI VS. RETINI

 

In quel periodo, inizio 2013, stavo imparando di nuovo tutto dalle basi e ho ripescato dalla libreria delle pubblicazioni specifiche. In allegato a queste c’erano dei retini, che non avevo mai aperto (perché io compravo senza neanche leggere e tenevo da parte per il futuro, per quando avrei trovato ispirazione per ricominciare)…

 

… ma ho scoperto che erano trasferelli.

Come quelli che si usano nello scrapbooking e che conosco bene dato che ne ho un sacco con letterine, disegni, scritte…

 

Ma i trasferelli non sono retini

Beh, fa niente, qualche giorno fa li ho ripresi in mano e li ho usati nello sketchbook.

 

i trasferelli non sono retini

 

Buttare via lo roba non mi piace quindi meglio se la uso XD almeno mi diverto e produco qualcosa.

 

Trasferelli al posto dei retini

 

Nella seconda parte del post parlerò delle mie prime tavole e dei retini che usavo all’epoca (2013), cioè Letratone e IC.

 

| LEGGI LA SECONDA PARTE |

 

 

P.S. ti ricordo che puoi acquistare il mio manga Poison Lips qui nello shop

 

Poison Lips è un manga italiano, genere josei/fantasy. La trama: Kathryn, principessa del regno di Blackwater, e Cillian, figlio del marescalco, sono legati sin dall’infanzia da un profondo sentimento di amicizia. Per Cillian, Kathryn è molto più di un’amica: in realtà è da sempre innamorato di lei, ma la ragazza non ha occhi che per Kain, migliore amico di Cillian e suo compagno d’armi.